Due giorni a Torino per celebrare la cultura della pace

L’ANVCG, Associazione Nazionale vittime civili di guerra, fondata nel 1943 durante le devastazioni provocate dalla Seconda Guerra Mondiale, rappresenta e tutela legislativamente da 77 anni tutte le vittime civili di guerra in Italia. Il 25 Gennaio 2017 ha ottenuto dal nostro Parlamento l’istituzione del 1° Febbraio come Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel Mondo. Quest’anno per la terza ricorrenza di questa giornata è stato indetto un concorso per tutte le scuole superiori di I e II grado d’Italia, l’elaborazione di un racconto o la realizzazione di un video per conservare la memoria delle vittime e promuovere la cultura della pace e del ripudio della guerra.

La nostra scuola ha aderito con le creazioni artistiche di tre alunne, Evaluna Makena Galli (5FIG1) e Lavinia Brogi (4AF1) che hanno scritto un racconto e Chiara Rossi (4M2) che ha realizzato un video. Siamo stati invitati a partecipare, insieme ad altre 19 scuole selezionate, alla cerimonia di premiazione che si è tenuta a Torino presso l’Arsenale della Pace. Il lavoro di Chiara è risultato il migliore tra quelli realizzati da tutte le scuole superiori d’Italia partecipanti. Il video di Chiara è stato mostrato, alla presenza anche della sindaca di Torino e della Ministra dell’Istruzione, a tutte le delegazioni delle scuole selezionate, ed è stata premiata e ringraziata dal Presidente Nazionale e dal Presidente della sezione di Arezzo dell’Associazione Nazionale delle vittime civili di guerra.

La manifestazione si è svolta in un luogo importante e significativo, l’Arsenale della Pace di Torino, un luogo di accoglienza nato nel 1983 dalla riconversione e dal restauro dell’arsenale militare della Prima Guerra Mondiale, oggi è gestito dal Sermig, il servizio missionario giovani, fondato a Torino nel 1964 da Ernesto Olivero. L’Arsenale è costituito circa da 50.000 mq che ospitano: una scuola di musica, 2 scuole di lingua italiana per stranieri adulti e bambini, ambulatori medici gratuiti, quasi 300 posti letto offerti ogni notte a chiunque ne abbia bisogno, una mensa sempre aperta per chi ha fame, luoghi di incontro e formazione, di accoglienza e ascolto. Una Associazione fatta per lo più da volontari che ha promosso nel Mondo oltre 70 missioni di pace e che giornalmente a Torino accoglie persone senza fissa dimora, donne in difficoltà e chiunque chieda aiuto.

E’ stato un onore e un’emozione per noi partecipare come scuola alla celebrazione del 3° anno della Giornata in onore delle vittime civili di guerra ed essere ospiti dell’Arsenale della Pace, un ringraziamento quindi ed una lode di merito ad Evaluna, Lavinia e Chiara che con sensibilità hanno voluto partecipare a questo concorso e in particolar modo a Chiara che ha reso orgogliosa la scuola con il suo lavoro.

Vai alle foto
Torino-02-20.jpg